Tarsis

Immagine con le rune Algiz, Inguz e Sowulo che rendono rispettivamente, 
						fra le altre, le idee di Rinascita, Stirpe e Sole spirituali.

La Terra dei Lupi


Dar ragione d’un Cammino, riscoprendone l’origine, le tappe e i passaggi sino a giungere più avanti dai tempi e dai luoghi dell’Inizio. Dar Forma a un Sentiero che nasce dai Padri, con essi procede e attraversa, s’avanza e percorre sino a giungere a noi. Il Fuoco è lo stesso, di tappa in tappa, acceso dallo stesso ardore che dà corpo a una Stirpe stabilita a portar con sé la Coppa dell’Acqua dello Spirito. Che sia nei secoli, nei millenni o nella vita di un uomo la sostanza dei Passi non cambia e la direzione è quella, l’Antico Cammino dei Lupi nel loro aspetto e funzione di portatori della Tradizione, di fondatori di una Civiltà che né l’oro né il gioco né il lavoro aveva come fini. Ma come fine aveva la conoscenza dell’Uomo e del suo Compito, in questo e in ogni mondo.
E la Terra dei lupi è il luogo di partenza e il luogo di stabilimento della Tradizione che essi portano con sé in ogni dove essi si fermino a concepire la Forma del loro anelito posto a servizio dell’Uomo e della sua Conoscenza.
La Terra dei Lupi è frutto dell’incedere dell’Uomo nel mondo buio, sordo e cieco di un’umanità sempre più estranea al reale Fine dell’Esistenza. La Conoscenza di Sé che è l’Uomo nell’uomo, l’Atto supremo che nasce dalla nuda Potenza, dalla totale Ricezione dell’Ordine dello Spirito. E il Lupo è la Volontà dell’Uomo che tale Atto ha compiuto e che in grazia d’Esso porta il suo seme nel mondo e in ogni vita.
La raccolta di versi che presentiamo copre un arco di trent’anni nei quali il seme della Testimonianza ha aperto la Via, ha percorso un Cammino, ha stabilito in una Terra una Fede, una Famiglia, un Focolare. E dove vi è un Fuoco che arde in Cuori credenti che offrono al Cielo ciò che Esso ha loro donato, là vi è la Terra dei Lupi, memori del Segreto della reale natura dell’Uomo, memori di colui che è nemico di tale segreto e dello spirito vivente che lo cela in sé.
E’ a quel Lupo che difende l’uomo dal Nemico che lo minaccia da sempre che questa raccolta di versi è dedicata.

L'Aquila

Il Vecchio

L'Arca

La Parola

Il Lupo

L'Ariete

Una Voce

I Tre Rami

Il Tesoro

Il Filo

Il Sentiero

La Fede

La Sorte

Il Consesso

La Citta'

L'Inganno

Il Nemico

Il Sacrificio

La Terra

La Lupa

La Vittoria

La Promessa

I Padri

Il Giorno

Il Compito

I Lupi

Il Simbolo

Il Nodo

La Storia

L'Incontro

Le Torri

Il Capitano

La Lotta

La Dignita'

Il Vessillo

La Scelta

Gli Erranti

L'Orso

I Cugini

Le Tracce

Il Drago e il suo Alito sono soggetti al doppio significato dei simboli, positivo o negativo a seconda dei contesti storici, di civiltà, di gruppi umani e, in questo caso, dei versi.
In questi ultimi il Drago e il suo Alito assumono un significato positivo o negativo a seconda della concezione d’insieme nella quale sono inseriti. Nel primo aspetto, quello positivo, il Drago simboleggia quell’Uno che è “coincidenza degli opposti” e l’Alito è il suo Soffio o Parola, sempre salvifica, per chi la intende; nel secondo aspetto, quello negativo, identifica il Nemico dell’Uomo, il suo Oppressore o Avversario e il suo Veleno che è falsità, menzogna, inganno.
Nei versi di “Una Voce” è quest’ultimo aspetto che è messo in evidenza, in quelli de “La Terra” è invece il primo, quello positivo o “celeste”.
Nella raccolta de “La Terra dei Lupi” il lupo stesso, che sarebbe suscettibile anch’esso di avere un doppio senso, è visto sempre nel suo aspetto positivo e “celeste”, col significato e le qualità che sono state esposte all’inizio.



21 febbraio 2019


Eugenio Tabano - 16 ottobre 1956. Ha stabilito il Centro Tarsis a Trieste all’inizio del 1990. Ha scritto I Fogli dell’Arca (1991), I Fogli di Salman (1994), I Fogli dei Quaranta (pubblicato da Il Murice, 2017), I Fogli della Lode (2018). E’ anche l’autore degli scritti che sono comparsi sul sito Tarsis (www.tarsis.it) dal 2012 ad oggi.


Eugenio Tabano - Via Diaz 21 - 34124 Trieste - Italia
Tel.+39 3475225441
posta@tarsis.it



Simboli di Tarsis


Rappresenta la Terra dei Lupi, che è la Terra dei Padri, che è la Terra dei Quaranta.


Immagine con le rune Algiz, Inguz e Sowulo che rendono rispettivamente, 
									fra le altre, le idee di Rinascita, Stirpe e Sole spirituali.

E' composto dalle rune Algiz, Inguz e Sowulo che rendono rispettivamente, fra le altre, le idee di Rinascita, Stirpe e Sole spirituali.


Immagine con riprodotto quattro volte il Nome 'Ali in caratteri arabi
											stilizzati (calligrafia kufica)

Riproduce quattro volte il Nome 'Ali in calligrafia kufica.