< Precedente Tarsis
Pagina Principale
Successiva >

Una Voce

Trieste, 11 maggio 2014

Dispiace per coloro che s’angustiano
e per cercare prove poi s’industriano
contro una Voce che spregia i loro inganni
scritti su Tavole infrante dal Destino.
Dispiace che più d’uno dia l’Ascolto
ai loro vani pensamenti
ma così è
nel corso del fluire d’ogni tempo
molteplici compagni trovarono vicini
coloro che per sangue e discendenza
vogliono gonfiare il Senso della storia
per dargli Forma a loro piacimento.
Ma sorge un dubbio allora
se l’alleanza oscura è stata stretta
sin dall’inizio del partir del mondo
chi può distinguer più il Vero e il falso
il Giusto e l’errore più funesto
se non coloro che dal Tempo senza storia
mantengono nel cuore il Fuoco consacrato
bagnato da Sorgente Immacolata
che sola spegne l’Alito del Drago.
Non come l’acqua che lavò le mani
di chi permise al Drago
la gogna del Vivente.
No. Non come loro
che da vicini o da distanti luoghi
servono senza saperlo
lo stesso Indicatore
che suggerisce a molti
di star lontani sempre
dal Soffio di chi parla
anche per loro il Vero.


* * *

< Precedente Tarsis
Pagina Principale
Successiva >