< Precedente Pagina Principale Successiva >

I Fogli

Trieste, 1 febbraio 2017.

I Fogli dell’Arca, i Fogli di Salman e i Fogli dei Quaranta sono i tre Segni che la Testimonianza ha lasciato nel corso del Tempo animando con Essi il Luogo del suo Passaggio e lasciando la Traccia della sua Origine nel cuore degli Attenti che pensano che nella vita il compito maggiore ed essenziale dell’uomo sia “seguir virtute e conoscenza”.
I Fogli dell’Arca sono la Testimonianza dell’Atto d’Essere Assoluto che fa d’ogni uno Sé stesso e Convocazione dei Necessitati alla propria Ragion d’Essere attraverso la Parola d’un Veridico che ne garantisce il Senso avendolo realizzato in Sé stesso.
I Fogli di Salman sono la Forma della Devozione per la Persona dell’Atteso, Segreto dei Profeti e dei Giusti d’ogni Tempo, il Vivente che vive in ogni Amico di Dio portando a chi è in cerca di Sé stesso il Suo Soffio e animando la sua parola e la sua presenza in questo mondo.
I Fogli dei Quaranta definiscono la Tradizione che Trasmette da ciclo in ciclo la Luce di Gloria proveniente dal Cielo, l’Acqua di Vita che discende dalle Stelle e dall’Origine del Mondo a dissetare i cuori e illuminare le menti di chi aspira al Vero.
La Trasmissione è quella del Vaso o Coppa in cui Essa è contenuta a coloro che sono stati predestinati a raccoglierne il Deposito per stabilirne ed espanderne la Luce nel tempo e nel luogo della loro vita contrastando con Essa la Volontà d’oscurità e oppressione messa in atto dai Mantenitori del Disordine e della Menzogna.
I tre Segni Maggiori quindi sono l’Atto d’Essere, la Forma della Devozione e la Trasmissione della Luce. Il primo stabilisce il Fondamento metafisico della Testimonianza, il secondo la Forma del suo Orientamento spirituale, il terzo la Trasmissione della Conoscenza che nei primi due è contenuta.
L’Atto d’Essere è l’Imperativo che fa venire all’Esistenza ogni cosa, ogni essere e ogni mondo. L’Atteso è Colui che porta in sé l’Imperativo, il Resurrettore, il Sole d’Occidente, Colui che porta in Atto l’essere che è destinato a ridiventare Sé stesso diventando poi il Garante di Chi lo ha portato all’Essere. A tale Garante è dato di Trasmettere la Luce del Vero come Anello d’una Corda d’oro che da millenni in ogni ciclo e in ogni Tradizione Sacra manifesta la Gloria dell’Altissimo, l’Unico, l’Immenso.
Private di tale Corda che è formata dagli Anelli Viventi della Luce, le Tradizioni sacre decadono in religioni esclusive e oscure frutto di letture umane che ignorano e nascondono il Senso Reale dell’Uomo e dell’Esistenza che esse avrebbero invece avuto il compito di indicare e tramandare. Vani simulacri del Sacro, Esclusivi che escludono il Vivente, diventano al pari dei Senza Dio portatori e trasmettitori dell’Errore e conducono l’uomo e il mondo nelle Tenebre più spesse.
Ecco perché lo Spirito che proviene dall’Ordine del Signore soffia dove vuole e in chi Egli vuole, perpetuando all’interno di quei cuori chiamati a raccoglierne la Luce, la Tradizione “che da Millenni bagna il petto dei Sinceri” verso la quale nell’Ultimo Libro Rivelato è stato detto di “Drizzare il proprio Volto”come unica e inalterabile Religione dell’Umanità.


* * *

< Precedente Pagina Principale Successiva >